DAL MONDO - Il futuro dei gruppi di lavoro è multimodale

il futuro dei gruppi di lavoro è multimediale

La MIT Sloan, business school del celebre MIT Massachusetts Institute of Technology, analizza i cambiamenti avvenuti nel corso degli ultimi due anni concentrandosi sul modo in cui lavoratori e team svolgono il lavoro intellettuale. Lo smart working associato ad attività che richiedono collaborazione e presenza permettono di realizzare un’efficace combinazione ibrida, che i leader devono imparare a gestire.

 

 

Una nuova leadership

 Il mondo del lavoro ibrido richiede competenze diverse, che superano i tradizionali modelli di leadership. Per questo motivo le organizzazioni hanno bisogno di leader in grado di operare correttamente attraverso due modalità distinte: per buona parte del tempo, infatti, essi devono operare in modalità virtuale, curando le connessioni tra i colleghi che lavorano da remoto, monitorando i progressi e promuovendo la condivisione delle informazioni; inoltre, i leader devono agire in modalità di collaborazione in presenza, promuovendo innovazione e coinvolgimento. L’analisi di MIT Sloan suddivide queste due attività in smartabili (efficaci anche in modalità da remoto) e face to face.

 

  Dimensioni d’impatto e nuovi ruoli per una leadership ibrida

 L’indagine svolta dalla Business School nel 2020 ha coinvolto 40 dirigenti a livello globale: è emerso che tre quarti degli intervistati lavora virtualmente per il 60% del tempo e i restanti per più dell’80%. Le aspettative post-pandemia includono la possibilità di continuare a lavorare da remoto per almeno il 50% del tempo, sottolineando che il periodo emergenziale ha determinato cambiamenti permanenti nel modo in cui si lavora.

Il 40% degli intervistati ha classificato come attività smartabili il lavoro integrativo in team, i processi d’innovazione, l’adozione di decisioni strategiche e la risoluzione di problemi complessi. Si tratta di compiti che coinvolgono quattro dimensioni d’impatto:

  1. Collaborazione: per la costruzione di relazioni di fiducia condivise
  2. Innovazione: richiede brainstorming, integrazione delle conoscenze e apprendimento condiviso
  3. Acculturazione: richiede lunghi periodi di connessione per sviluppare la comprensione reciproca, rafforzare le norme e costruire un’identità condivisa.
  4. Dedizione: deriva dall’avere uno scopo condiviso, sentirsi parte attiva di una comunità e avere l’opportunità di crescere professionalmente.

 

Le competenze richieste ai leader per guidare i propri gruppi con successo, anche virtualmente, stanno mutando profondamente. La MIT Sloan identifica quattro ruoli che i leader dovranno interpretare per guidare una forza lavoro sempre più ibrida:

Il Conduttore: è un ruolo di leadership per lo più virtuale; il Conduttore garantisce che piani, decisioni, informazioni e risultati siano condivisi per coordinare e motivare i membri del gruppo.

Il Catalizzatore: è un ruolo che stimola la collaborazione, la creatività, l’innovazione e crea una cultura condivisa, promuovendo la dedizione. Il leader deve saper creare un ambiente di sicurezza e benessere. Il termine catalizzare indica l’obiettivo di consentire agli altri di emergere e di facilitare i processi di collaborazione.

L’Allenatore: è un ruolo di “coaching”. Il leader deve concentrarsi nel supportare le persone a raggiungere le massime prestazioni, favorendo lo sviluppo professionale in un clima di fiducia. Riscoprire questo ruolo in modo efficace richiede un alto grado di intelligenza emotiva.

Il Campione: è un ruolo che richiede la difesa della propria squadra in relazione all’esterno. Il leader protegge le risorse e comunica i risultati raggiunti rafforzando la fiducia sia tra i colleghi sia verso altri stakeholder chiave.

Un unico obiettivo

Questi aspetti contribuiscono a fornire un ritratto ben definito per una leadership efficace nel mondo del lavoro attuale. L’obiettivo finale, che collega tutti e quattro i ruoli, è quello di costruire le connessioni e sostenere la fiducia. Molte organizzazioni non avevano ancora adottato il lavoro a distanza prima della pandemia, perché non avevano sufficiente fiducia nella produttività da remoto dei lavoratori. C’erano preoccupazioni legate alla capacità dei manager di misurare e monitorare le prestazioni. Costruire fiducia è fondamentale per mantenere una leadership multimodale, soprattutto quando il gruppo opera virtualmente.

Per costruire il successo dell’organizzazione in questa nuova era, i leader devono quindi imparare a adattarsi ai quattro ruoli della leadership multimodale. La Pubblica Amministrazione può trarre beneficio da questi consigli per raggiungere obiettivi sempre più concreti, grazie a un lavoro virtuale e sempre più ibrido, basato sulla fiducia, sulla produttività e sull’efficacia. Il Tavolo Performance di Emilia-Romagna smart working è a lavoro per definire le competenze dei leader del futuro e identificare i nuovi obiettivi dei team di lavoro virtuali.

 

 

Non perdere la prossima news Il Punto Su! Seguici sul nostro canale Linkedin e non perdere notizie e approfondimenti sul nostro Sito Web.