DALL'ITALIA: L'Italia sceglie lo Smart Working

tabella_2_imprese

Le organizzazioni si trasformano, riorganizzano le proprie strategie e integrano in maniera permanente lo smart working nei propri processi: il 54% delle imprese italiane è propensa a proseguire con il lavoro agile anche al termine dell’emergenza sanitaria, ottimizzandone i vantaggi. Anche con una settimana strutturata metà a distanza e metà in presenza, si stima che la “prontezza” delle aziende nel reagire al cambiamento crescerà del 16% rispetto a un anno fa.

 

Tutto ciò emerge dalla Quick survey Smart working 2.0 realizzata da Fondirigenti su un campione di 15mila organizzazioni italiane che hanno mostrato spirito di resilienza e adattamento su questo tema.

La ricerca analizza in particolare il ruolo dei manager nella gestione delle politiche di HR legate allo smart working: cresce l’employee satisfaction, ma l’assenza di rapporti sociali e di interazioni di gruppo è un aspetto complessi e potenzialmente critico. Ma andiamo per ordine.

 

Chi è stato intervistato?

L’indagine è stata realizzata con un’indagine on line rivolta all’intero database Fondirigenti, con 1.500 risposte in meno di 15 giorni. Hanno risposto al questionario imprese private (83,3%) soprattutto del Nord Italia, enti pubblici (1,3%), associazioni (3,3%), e liberi professionisti (9%). Un rispondente su due è manager o dirigente, seguono gli impiegati, funzionari e quadri.

survey_italia

 

Quali settori puntano allo smart working “permanente”?

La modalità di lavoro “agile” interesserà in prevalenza il mondo dei servizi; il terzo settore e le cooperative confermano di scegliere queste soluzioni per oltre l’85% del campione, seguono le realtà private non familiari (58%). L’innovazione continua e la capacità di adattamento messe in campo dalle organizzazioni hanno permesso di gestire il lavoro “a distanza” senza ripercussioni negative per il 56% degli intervistati.

tabella_rispondenti
Tabella ruoli

Le PMI sono state le più virtuose (vedi Tabella in alto) per numero di lavoratori coinvolti nello smart working durante il primo lockdown, il 61,54% rispetto alle grandi imprese (che hanno attivato il lavoro agile sul 53,74% delle risorse). A distanza di un anno le percentuali di lavoratori in smart working sul totale si stanno allineando tra i profili di imprese di diverse dimensioni;  la formazione e l’implementazione di strumenti tecnologici adeguati rendono i processi sempre più funzionale e efficiente.

 

Readiness delle imprese e percezione dei lavoratori

La readiness (prontezza) media delle organizzazioni rispondenti ritiene che il 56% dei lavoratori è propenso a sostenere uno smart working continuativo, più del 16% rispetto ad una precedente survey (marzo 2020). Inoltre associazioni e cooperative ritengono di poter affrontare il lavoro agile con quasi 7 lavoratori su 10, mostrando una forte flessibilità e supporto nel passaggio da “lavoro in presenza” a “lavoro da remoto”, grazie alle dotazioni tecnologiche fornite ai dipendenti. L’employee satisfaction nel praticare lo smartworking è un dato in aumento rispetto al 2020 (3,79 vs 3,77) con un impatto positivo sul work life balance, la gestione e la flessibilità del tempo, i livelli di concentrazione,  la produttività individuale e il raggiungimento degli obiettivi.

 

Ma è tutto “rose e fiori”?

Tra gli aspetti critici emerge quello della mancanza di rapporti sociali, a cui si affianca l’impossibilità di poter interagire fisicamente con il proprio gruppo di lavoro, elementi determinanti per lo sviluppo del pensiero creativo. È proprio a partire da tali criticità che è necessario porre in evidenza un tassello determinante per la transizione “lavoro in presenza-lavoro da remoto”: quello della formazione (soprattutto sui temi di “digital transformation”), chiave di volta per garantire un cambiamento di prospettiva e un’efficace conciliazione vita-lavoro, soprattutto se affiancata a investimenti nelle dotazioni e a nuove modalità organizzative.

 

Fonte: https://www.ilsole24ore.com/art/smart-working-54percento-imprese-continuera-usarlo-ADzchDUB

Survey : https://www.fondirigenti.it/documents/35495/0/Quick+Survey+Smart+Working+2.0.pdf/9e52946f-8e7d-b4ac-e043-61fd1b5db2cb?t=1615823342763