DALL'ITALIA - L’obiettivo del 2022? Preservare il futuro dello smart working

u n digital talk per lo smart working

Come rendere lo smart working strutturale? A questa domanda risponde la Federazione dei professionisti della PA (Flepar) con il digital talk dal titolo “Smart è, chi Smart fa” con l’obiettivo di diffondere la cultura del lavoro agile.

 

Un digital talk sul lavoro agile

L’evento digitale promosso dalla Federazione dei professionisti della PA ha coinvolto numerose personalità, politiche e istituzionali, per condividere i risultati positivi sullo smart working a livello nazionale e agire da “cassa di risonanza” per favorirne la diffusione e la riconfigurazione nelle realtà pubbliche.  Gli obiettivi strategici collegati al lavoro agile sono la digitalizzazione dei processi e la riforma dei servizi nell’ottica di attuazione del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Durante l’incontro sono state discusse numerose tematiche, a partire dalla necessità delle amministrazioni di ottenere un quadro di riferimento preciso all’interno del quale potersi muovere concretamente con il lavoro agile.

È stato affrontato anche il tema delle attività “smartabili”, che oggi riguardano gran parte delle professioni legate ai servizi. Grazie alla possibilità di effettuare riunioni virtuali, i professionisti possono svolgere il proprio lavoro in modo ottimale anche da remoto.

 

 

L’obiettivo? Un post-pandemia smart!smart è chi smart fa

Il principale obiettivo del talk era quello di comprendere come consolidare la cultura del lavoro agile al termine dell’emergenza sanitaria. Le realtà pubbliche hanno già manifestato la loro volontà di non tornare alla “vecchia normalità”, perché sono consapevoli che lo smart working è stato e continua a essere una leva di cambiamento fondamentale, una modalità in grado di rigenerare l’organizzazione del lavoro, i processi e i servizi offerti alla Pubblica Amministrazione.

Dopo la pubblicazione delle linee guida da parte del Dipartimento della Funzione Pubblica, gli accordi individuali stanno diventando realtà. Il lavoro agile mette al centro le persone e i loro bisogni, agevola la trasformazione digitale ed è un modello lavorativo destinato a crescere.

Anche la normativa sul PIAO è un utile passo in avanti per aggiungere valore alla vita di lavoratori, cittadini e imprese, perché mira a migliorare e innovare la Pubblica Amministrazione, garantire velocità e qualità dei servizi, favorire la creazione e la diffusione di valore pubblico. Emilia-Romagna Smart Working ha approfondito il tema PIAO durante gli ultimi incontri organizzati dal Tavolo Performance e dal Tavolo Disciplina , esplorandone nel dettaglio le caratteristiche, con particolare attenzione alla normativa di riferimento.