IL PUNTO SU - Tavolo Performance: a che punto siamo?

tavolo performance: a che punto siamo?

Proseguono i lavori del Tavolo Performance, con la partecipazione di 13 enti di rappresentanza e oltre 45 amministrazioni, con l’obiettivo di approfondire gli aspetti di programmazione e misurazione delle prestazioni organizzative realizzate in modalità smart working. Le competenze dei leader del futuro e gli obiettivi dei team di lavoro virtuali sono stati i temi centrali degli incontri.

 

 

Facciamo il punto!

 Tra aprile 2021 e gennaio 2022 il gruppo di lavoro del Tavolo Performance si è riunito in 10 incontri, in cui sono state affrontate numerose tematiche: dagli indicatori della performance al sistema OKR, sino agli strumenti di Task Management. Nel corso degli ultimi appuntamenti sono stati affrontati anche i temi strategici legati alle competenze, sia digitali sia manageriali, dei leader del futuro, con un approfondimento sulle dinamiche collaborative e sul valore del team di lavoro in smart working. I temi delle competenze dei leader sono essenziali per il raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione.

 

 

 Le competenze digitali per i leader del futuro

 Le competenze digitali sono identificate dall’Unione Europea come “le capacità di utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie dell’informazione per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione. Competenze utili a tutti i cittadini per poter partecipare alla società dell’informazione e della conoscenza ed esercitare i diritti di cittadinanza digitale”.

Perché queste competenze sono determinanti per i nuovi leader? L’e-leader è una figura in grado di sfruttare le tecnologie digitali per definire e concretizzare progetti di innovazione digitale. È un ruolo essenziale per il presente e il futuro di un lavoro sempre più virtuale; le sue competenze comprendono:

  1.  conoscenze digitali: cultura e conoscenze legate al mondo digitale, declinate in senso organizzativo e aggiornate rispetto alle tecnologie emergenti
  2. soft skills: capacità di relazione e comunicazione con il team
  3. leadership organizzativa: capacità di gestione dei cambiamenti, di costruzione e mantenimento di un’organizzazione innovativa e di diffusione di una cultura dell’innovazione
  4. competenze manageriali: da applicare nel contesto della Pubblica Amministrazione, con una visione propositiva e innovativa
  5. modernizzazione dei processi: capacità di riprogettare i processi della Pubblica Amministrazione in funzione degli obiettivi e della missione specifica dell’amministrazione

 L’importanza di mappare le competenze

 La community del Tavolo Performance si è interrogata anche sull’importanza di elaborare una fotografia aggiornata e attendibile delle competenze digitali presenti nelle organizzazioni, per attivare azioni di sviluppo specifiche e coerenti con i propri contesti di riferimento e i relativi fabbisogni. È possibile analizzare e “mappare” lo status delle competenze utilizzando strumenti specifici, tra i quali:

  • questionari di autovalutazione
  • questionari di conoscenza
  • domande situazionali
  • business case
  • simulazioni

 Con questa strategia ogni ente può definire e avviare azioni specifiche di miglioramento.

 Dinamiche collaborative e competenze dei team di lavoro

 Uno degli obiettivi del Tavolo Performance è quello di riflettere sulle competenze richieste non solo ai singoli ma anche ai team che oggi lavorano con modalità nuove. Il concetto di “autorità del leader” è superato; è invece necessario comprendere l’importanza delle dinamiche collaborative, utili a:

  • fornire continui segnali di ascolto attivo
  • incrementare il numero di interazioni all’interno del team
  • coinvolgere tutte le persone
  • valorizzare la diversità interna ed esterna del gruppo
  • approfondire la conoscenza delle persone
  • incrementare la fiducia tra i membri del gruppo

Lo smart working è una modalità di lavoro sempre più diffusa e strutturata, per questo la community ha ritenuto essenziale inquadrare un framework di competenze necessarie ai leader e a tutto il team di lavoro da remoto. Le competenze individuate sono quattro:

  1. comunicazione: saper attivare una comunicazione efficace anche attraverso canali digitali, anticipando i bisogni informativi dei propri interlocutori, utilizzando la comunicazione al servizio del team e dei risultati
  2. team: saper attivare dinamiche di fiducia reciproca e trasparenza, favorire una motivazione comune e una spinta verso l’obiettivo, valorizzando le differenze
  3. pianificazione: saper dedicare tempo alla pianificazione, alla definizione di tempi, KPI e risultati da ottenere, in una prospettiva di medio e di lungo periodo, attivando un monitoraggio costante e bidirezionale
  4. cambiamento: saper gestire le relazioni complesse in una logica interfunzionale, sviluppando competenze di agilità adattiva, di gestione dell’incertezza e di proattività.

cambiamento-pianificazione-comunciazione-team

L’importanza degli obiettivi individuali e di gruppo

 Oltre alle competenze, la community ha riflettuto sull’importanza degli obiettivi per i team di lavoro nella gestione del gruppo in modo dinamico e efficace e per far fronte a cambiamenti e evoluzioni.

Il modello utilizzato per la riflessione presenta obiettivi di tre tipologie, strategici, organizzativi e operativi, questi ultimi sono suddivisi in obiettivi di team e individuali (di sviluppo del singolo).

obiettivi di tema e obiettivi individuali

 

Concentrarsi sugli obiettivi dei team di lavoro in modalità smart working consente di avere un forte impatto positivo su:

  • collaborazione: concentrarsi su obiettivi condivisi è utile a superare gli ostacoli che potrebbero bloccare il singolo e a sostenere i diversi membri del team
  • riconoscimento: gli obiettivi del team sono solitamente più grandi rispetto a quelli individuali, risultando anche più rilevanti anche agli occhi dell’organizzazione
  • flessibilità: gli obiettivi del gruppo possono essere raggiunti con più modalità, consentendo anche maggior possibilità di ripianificazione in itinere e favorendo l’interdisciplinarietà
  • apprendimento: gli obiettivi del team consentono un incremento di esperienze, conoscenze e competenze.

 

Il lavoro del team in smart working può anche supportare il singolo individuo. In che modo? Contrastando il senso di isolamento e di solitudine, incrementando il purpose (il senso di scopo), favorendo la pianificazione e supportando la digitalizzazione, grazie all’attivazione di meccanismi di reciproco supporto.

 

 

Quale sarà il prossimo tema trattato nei Tavoli di Lavoro di Emilia-Romagna smart working? Per scoprirlo, seguici sul nostro canale Linkedin e non perdere notizie e approfondimenti sul nostro Sito Web.