surveysmartworking

DALL’ITALIA - Le sfide del remote leader per un futuro ibrido

Come evolverà il lavoro agile nel periodo post-pandemico? Quale sarà il ruolo dei dirigenti del futuro? Quali saranno le azioni promosse per garantire il benessere dei lavoratori? A queste domande sul futuro del lavoro ibrido risponde l’indagine “HR Trends & Salary Survey 2021”.

 

DALL'ITALIA - Gli effetti dello smart working: un bilancio nazionale

In circa tre mesi dall’inizio del primo lockdown da Covid-19 il nostro Paese è passato da 500 mila smart worker a 4 milioni. Lo conferma l’indagine nazionale Smart Working 2020 che ha coinvolto oltre duemila lavoratori del settore pubblico e privato.

DAL MONDO - Fiducia e flessibilità nel futuro del lavoro agile

Recenti ricerche in USA si concentrano su una nuova visione del lavoro e sui bisogni emergenti dei giovani talenti. L’accelerazione della trasformazione digitale in quasi tutti i settori economici, la pandemia e il lavoro agile sono fenomeni che richiedono una riflessione ampia sulla cultura aziendale e sul concetto di forza lavoro, per favorire la ripresa economica e cambiamenti sociali positivi.

 

DALL’ITALIA - Lo smart working è la chiave per ridurre il gender pay gap?

Una recente indagine condotta su oltre 30 mila lavoratori del settore pubblico e privato dimostra che un lavoratore agile su due è donna, e che esiste una forte correlazione tra lavoro agile, employability femminile, trasparenza ed equità retributiva.

I risultati della ricerca sono contenuti in un report presentato presso la Commissione XI del lavoro della Camera dei Deputati.

 

DALL'ITALIA: L'Italia sceglie lo Smart Working

Le organizzazioni si trasformano, riorganizzano le proprie strategie e integrano in maniera permanente lo smart working nei propri processi: il 54% delle imprese italiane è propensa a proseguire con il lavoro agile anche al termine dell’emergenza sanitaria, ottimizzandone i vantaggi. Anche con una settimana strutturata metà a distanza e metà in presenza, si stima che la “prontezza” delle aziende nel reagire al cambiamento crescerà del 16% rispetto a un anno fa.